25 anni son trascorsi… Freddie ci manchi


tumblr_mqvd49b43l1sdyd4so1_500Il 24 novembre del 1991 moriva a 45 anni Freddie Mercury, il grande Re del Rock, ufficialmente per una broncopolmonite. Il giorno prima della sua morte, in un comunicato stampa, aveva spiegato che era malato di AIDS.

 

Potete leggere il mio post sulla vita e le curiosità del frontman dei Queen qui.

Freddie Mercury, all’anagrafe Farrokh Bulsara, era nato a Zanzibar da una famiglia indiana di origine Parsi. Trasferitosi in Inghilterra a 18 anni, da sempre appassionato di musica e di arte, Freddie si era diplomato in Arte grafica e Design ed era entrato ben presto in contatto con i musicisti della Londra artistica degli anni ’70, fino ad arrivare a fondare, nell’aprile del 1970, i Queen, insieme al chitarrista Brian May, al batterista Roger Taylor. L’anno seguente si aggiunse anche il bassista John Decon.

Da quel momento nacque il mito dei Queen, uno dei gruppi musicali più celebri e amati nel pianeta, che nel corso del tempo ha venduto oltre 200milioni di dischi e ha tenuto ben 707 concerti in 26 nazioni diverse.

La voce di Freddy era sublime, armoniosa, inconfondibile e potente. In base ad uno studio di ricercatori universitari si stabilì che la sua estensione vocale sfiorava le quattro ottave, e che la sua voce utilizzava la tecnica delle subarmoniche, tipica dei cantanti etnici come i Tuvan della Mongolia o i Tenores della Barbagia.

Quest’anno per rendere omaggio ad un’artista che ho apprezzato quando ero ragazzina (conoscevo tutti i testi delle sue canzoni a memoria e in una festa di 18 anni di un mio compagno di classe delle superiori cantai perfino la sua celebre “The show must go on” sul palco di un teatro che questi aveva affittato in occasione del suo compleanno, ad avere la registrazione di quella sera!) e che ho sempre continuato a ricordare negli anni ascoltando e cantando le sue canzoni da mille e una notte voglio riportarvi il link della mia canzone preferita e una serie di frasi storiche del grande Freddie.

  1. Se non cantassi così bene non avrei proprio niente da fare. Non so cucinare e sarei una pessima casalinga.
  2. Non diventerò una stella, diventerò una leggenda! Voglio essere il Rudolf Nureyev del rock n’roll.
  3. Si può essere tutto ciò che si vuole, basta trasformarsi in tutto ciò che si pensa di poter essere.
  4. Se devi fare una cosa, falla con stile.
  5. La cosa più importante è vivere una vita favolosa, non importa quanto lunga, basta che sia favolosa.
  6. Le persone ti dicono. “Ma come può essere infelice Freddie Mercury che ha i soldi, macchine, il successo, tutto?”. Io invece sono una persona normale con momenti di tristezza come tutti gli altri.
  7. A volte trovo difficile trovare qualcuno a cui dare fiducia. Vorrei stare in silenzio, non parlare con nessuno.
  8. Ho sempre saputo di essere una star, ora tutto il mondo è d’accordo con me.
  9. Non sono uno di quelli ossessionati dalla celebrità. Come potrei esserlo? Sono io una celebrità!
  10. Il successo mi ha portato miliardi e fama mondiale, ma non quello di cui tutti abiamo bisogno: un rapporto d’amore.
  11. Non voglio cambiare il mondo, lascio che siano le mie canzoni ad esprimere le sensazioni e i sentimenti che provo ed ho provato.
  12. L’eccesso è una parte di me. La monotonia è un male. Ho davvero bisogno di pericolo ed eccitazione.
  13. Se dovessi morire domani, non mi preoccuperei. Dalla vita ho avuto tutto. Rifarei tutto quello che ho fatto? Certo, perché no? Magari un po’ diversamente! Io cerco solo di essere genuino e sincero e spero che questo traspaia dalle mie canzoni.
  14. Ogni sera devo riconquistare il pubblico, altrimenti non è un concerto riuscito. E’ il mio lavoro, quello di assicurarmi che la gente si diverta. Fa parte della mia missione, dipende tutto dalla gestione del feeling.
  15. Di certo non ho alcuna aspirazione di vivere fino a settant’anni… sarebbe così noioso.

Caro Freddie continua ad esercitarti lassù… perchè noi credo che non smetteremo mai di ascoltarti!

Grazie per l’eredità che ci hai lasciato!

Alessia Curcio

Annunci

24 anni dalla morte di Freddie Mercury


Indimenticabile e intramontabile voce quella di Freddie Mercury morto 24 anni fa a Londra, a causa di una broncopolmonite che stroncò il suo corpo già debilitato dall’AIDS. All’anagrafe Farrokh Bulsara, nato a Zanzibar il 5 settembre del 1946, Freddie dimostrò subito un grande talento artistico: a 8 anni cominciò a studiare musica e a prendere lezioni di pianoforte. Alla fine degli anni ’60 era in Inghilterra ed è proprio qui che incontrò Brian May e Roger Taylor, con i quali nel 1970 fondò i Queen. Nel 1971 si unì al gruppo anche il bassista John Deacon.

Una carriera costellata di successi quella di Freddie Mercury, perchè il suo genio musicale e il suo stile non avevano paragoni. La sua morte prematura contribuì alla nascita del mito! Ancora oggi il mondo lo ricorda. Chi di noi non conosce le canzoni di Freddie Mercury e dei Queen? Non basterebbe un articolo intero per elencarle tutte. Sicuramente le più famose sono: Bohemian RhapsodyCrazy Little Thing Called LoveDon’t Stop Me NowIt’s a Hard LifeKiller QueenLove of My LifePlay the GameSomebody to LoveWe Are the Champions, Innuendo, Barcelona, The Show Must go on, We Will Rock Rou, Radio Ga Ga, I Want it all, Under Pressure, ma l’elenco potrebbe continuare ancora.

Ci sono molte curiosità attorno al mito di Freddie Mercury. Per esempio il fatto che avesse avuto due relazioni importanti con due donne, Mary Austin e l’attrice austriaca Barbara Valentin, nonostante la sua dichiarata omosessualità. Che le sue ceneri siano state affidate – in base alle sue volontà – a Mary Austin e che nessuno sappia dove sono. Che avesse centinaia di cravatte, ma che non le indossasse mai. Che avesse una passione sfrenata per i gatti tanto che alla sua gattina preferita avesse anche dedicato una canzone “Delilah”. Che fosse laureato in Arti grafiche e Design e che amasse moltissimo l’arte, in particolare le opere di Marc Chagall. Che avesse progettato il logo dei Queen che ricalca lo stemma reale del Regno Unito e che al suo interno compaiano i simboli dei segni zodiacali dei componenti della band. Che nel mondo ci siano oltre 100 statue dedicate a Freddie Mercury. La più famosa è quella di Montreux, dove il frontman registrò Jazz e Made in Heaven. E infine che non avesse mai preso la patente.

Voglio chiudere con una sua celebre frase che mi ha sempre accompagnata: “Se devi fare una cosa, falla con stile”.

Freddie tu sei una leggenda e nessuno ti dimenticherà perchè le tue canzoni non moriranno mai!

hqdefault